11 film imperdibili se vuoi fare il regista

32 Views0 Comments

Quali sono i film indimenticabili della storia del cinema? Quelli che non passano mai di moda e non invecchiano mai? Se vuoi fare il regista ecco gli 11 titoli che non possono mancare nella tua lista di film:  

Quarto potere (Citizen Kane), regia di Orson Welles (1941)

Quarto potere è considerato uno dei film più importanti della storia del cinema 

Racconta la vita del magnate della stampa Charles Foster Kane (Orson Welles), che a fine carriera muore abbandonato da tutti. Questa è la modernità che si fa strada nella storia del cinema, una struttura pazzesca, che distrugge quella classica: nessun vero protagonista, nessun lieto fine. 

Casablanca, regia di Michael Curtiz (1942)

Uno dei punti fermi del cinema della Hollywood classica, Casablanca non è un film, ma un mito. Rick Blaine (Humphrey Bogart) vive a Casablanca, mentre in Europa imperversano i nazisti. Il suo desiderio di “restarne fuori” viene boicottato dall’arrivo di una donna di cui è ancora innamorato (Ingrid Bergman). Questo film ci regala ancora un’atmosfera indimenticabile, oggetto di mille rivisitazioni e parodie.

Viale del tramonto (Sunset Boulevard), regia di Billy Wilder (1950)

Joe Gillis (William Holden) è uno sceneggiatore squattrinato che vive e lavora ad Hollywood. Per sfuggire ai debiti, si rifugia in una grande villa. Questo film scardina ogni schema visto fino ad allora perché per la prima volta la voce narrante è quella di un morto e il film è raccontato in flashback. Impossibile evitare di guardarlo per chi vuole fare il regista.

I soliti ignoti, regia di Mario Monicelli (1958)

Una sceneggiatura che è un capolavoro, con attori del calibro di Mastroianni, Gassman e Totò.  Mario Monicelli firma il film della commedia all’italiana, raccontando una Roma proletaria in cui si muovono poveracci truffaldini. 

I quattrocento colpi (Les quatre-cents coups), regia di François Truffaut (1959)

Film spartiacque di un’epoca, I 400 colpi inaugura la Nouvelle Vague francese in cui Truffaut mette in scena sé stesso e un nuovo modo di intendere il cinema.

Psyco (Psycho), regia di Alfred Hitchcock (1960)

Shock visivi e colpi di scena si susseguono in questa opera maestra di Hitchcock. Psyco miscela suspense e sorpresa. Imperdibile la scena iconica della doccia, che non è l’unica però a rimanere impressa nella mente dello spettatore.

8½, regia di Federico Fellini (1963)

Realtà, ricordi ed immaginazione. Dopo 3 anni dall’intramontabile La Dolce Vita, Federico Fellini, in piena crisi creativa dà alla luce 8 e ½. Non riuscendo a trovare una trama, Fellini è pronto a comunicare al produttore che il film non c’è, poi ha un’illuminazione: racconterà la storia di un regista che deve fare un film ma ha perso l’ispirazione.

2001: Odissea nello spazio (2001: A Space Odissey), regia di Stanley Kubrick (1969)

Questa è l’opera più ambiziosa di Stanley Kubrick, che ci fa fare un salto temporale di milioni di anni. Criptico, visivamente sbalorditivo, un film capace di portare la fantascienza ad un livello altissimo.

Il padrino (The Godfather), regia di Francis Ford Coppola (1972)

Fu un successo incredibile, sia di critica che di pubblico. Un vero capolavoro della New Hollywood che influenzerà i generi successivi. Il Padrino è il primo film della trilogia più famosa di tutti i tempi. Coppola inaugura un modo completamente nuovo di raccontare la mafia e fa centro.

Blade Runner, regia di Ridley Scott (1982)

Ho visto cose che voi umani… il monologo più pronunciato di tutti i tempi! Ridley parla di una Los Angeles cupa, piovosa, opprimente e senza sole, mai vista prima. Qui la fantascienza è al servizio di dubbi e domande esistenziali.

Pulp Fiction, regia di Quentin Tarantino (1994)

Tarantino ha aperto la strada ai film che giocano con il tempo, il film è diviso in episodi rimontati in modo apparentemente casuale, pieno di citazioni ed omaggi e  con un cast corale. Questo film è valso a Tarantino un Oscar alla miglior sceneggiatura originale e tantissime imitazioni, definendo cosa è esattamente pulp.

Leave your thought